Archivi del mese: ottobre 2014

Femminicidio, governo inadempiente per il piano anti-violenza

Un anno fa è stato votato in Parlamento il decreto sul femminicidio che conteneva un piano antiviolenza. Dopo un anno il governo non si è ancora degnato di predisporlo. Come sempre tante parole e tanti proclami, ma nessun fatto. Il piano doveva essere pronto entro ottobre, aveva assicurato il governo. Ma siamo di fronte all’ennesima menzogna anche su un tema così importante.
Ieri sera in Aula abbiamo ricordato al Governo le sue responsabilità.

Interrogazione su spot TTIP

Molti cittadini mi hanno scritto negli ultimi giorni per segnalare la diffusione sui canali Rai di spot che promuovono l’accordo commerciale di libero scambio tra Europa e Stati Uniti, tuttora in via di definizione, noto come TTIP. Questa mattina ho inviato alla Rai un’interrogazione sull’argomento. Questi filmati, che fanno parte del ciclo “Scintille” che la Rai ha voluto realizzare in vista del semestre italiano di presidenza dell’Unione Europa (già oggetto nei mesi scorsi di un precedente quesito da parte mia), non tengono conto dei diversi contenuti del trattato e non forniscono ai cittadini tutti gli elementi necessari per avere un’informazione completa su quanto sta avvenendo. Manca il riferimento alle diverse ricadute e all’impatto su ambiente e diritti fondamentali dell’accordo, nonché alle molteplici voci critiche che si sono levate. Non possiamo dimenticare che la negoziazione del TTIP si sta svolgendo in totale segretezza e che gli europarlamentari di tutti gruppi politici chiedono da mesi più trasparenza senza ottenere risposta. Il servizio pubblico non può offrire una sintesi così parziale e lacunosa della trattativa in atto. Ecco la mia interrogazione: Interrogazione spot TTIP – Vigilanza Rai

 

La filosofia del posto di lavoro

So che l’ argomento che andrò a trattare non è molto interessante ma voglio farne un accenno a futura memoria. Gennaro Migliore viene eletto deputato della Repubblica italiana con sinistra ecologia e libertà, poi transfuga nel gruppo misto e da qualche giorno è passato al gruppo del partito democratico. Oltre ad aver oggi tenuto un formidabile discorso alla Leopolda citando in modo improprio Eduardo De Filippo, giovedì scorso Gennaro Migliore ha votato la fiducia al governo Renzi seguito da un piccolo applauso (stile iniziazione) fatto da un gruppetto di deputati del Pd. Immagino tutte le persone che hanno votato la coalizione PD-SEL e che ora si ritrovano un governo con Alfano e Lupi e il rivoluzionario di sinistra Gennaro Migliore che sostiene un governo con un ministro come la Guidi allo sviluppo economico. Non c’è più nessuna ideologia o pensiero profondo che sottende questa operazione tranne la filosofia del posto di lavoro. Auguri!!

Restart Campania

Oggi abbiamo presentato il progetto Restart Campania, un portale che i cittadini potranno utilizzare per segnalare e monitorare le condizioni dei monumenti e dei siti archeologici. Trovate tutte le info sul progetto QUI.

Abbiamo visitato alcuni tesori dell’immenso patrimonio artistico della nostra regione. Tra le tappe del nostro tour: Real Albergo dei Poveri (Napoli); scavi di Villa Sora (Torre del Greco); Villa di Lucius Crassius Tertius (Torre Annunziata);Cripta della confraternita del Pio e Laical Monte della morte e Pietà (Somma Vesuviana)

10600352_991640250861841_4037739972100128900_n

532910_991497467542786_5611630878777415436_n

 

64726_991546124204587_6022081807432327863_n

Spazzatour 2.0

10365856_990868300939036_2490256688248655411_n

Inizia a Poggioreale la nostra giornata di sopralluoghi ispettivi alle discariche di Napoli e provincia. In questa zona sono stati abbandonati rifiuti di ogni tipo. La nostra regione non può più vivere scempi di questo genere, dobbiamo voltare pagina. E il primo passo deve essere garantire ai cittadini la tutela del territorio, dell’ambiente e della salute.

Lavoriamo insieme alla riforma della Rai

Credo fortemente nella necessità di un servizio pubblico radiotelevisivo in un paese democratico. Di servizio pubblico si deve parlare e ben vengano tutte le occasioni per poter affrontare il tema e confrontarci su come riformare la Rai e la sua governance. Tutti devono sentirsi protagonisti di questo dibattito: istituzioni, tutte le forze politiche, i cittadini. Abbiamo la possibilità di cambiare le cose e lo dobbiamo fare con responsabilità e lungimiranza. Ecco il mio intervento al convegno Rai su missione, indipendenza e governance del servizio pubblico.

Coraggio, Maria Edera!

Maria Edera Spadoni

La nostra collega Maria Edera Spadoni ha subito intimidazioni dopo essere intervenuta ieri all’evento nazionale sull’acqua pubblica a Reggio Emilia. Nel confronto con i cittadini in piazza Martiri 7 luglio, ha parlato anche del pericolo delle infiltrazioni mafiose che si riscontrano sul suo territorio. Ha ricordato che i parlamentari emiliano romagnoli del Movimento hanno richiesto due settimane fa le dimissioni di Coffrini, sindaco di Brescello, dopo le sue dichiarazioni su Grande Aracri, condannato in via definitiva per associazione a delinquere di stampo mafioso. Alla fine della manifestazione, è stata avvicinata da tre persone che le hanno detto di non nominare più il nome di Grande Aracri. Maria Edera ha sporto denuncia verso ignoti.

Napoli, questa mattina

Napoli 20 ottobre 2014

Napoli oggi si è svegliata così. Un incendio è divampato nel parco Marinella, nei pressi del porto. Sono andati in fumo copertoni e materiali vari ammassati in quella che, di fatto, è diventata una discarica abusiva a cielo aperto in pieno centro cittadino. Questa area dovrebbe ospitare un grande parco pubblico e invece versa nel più totale abbandono. Venerdì sarò con altri parlamentari ed eurodeputati del Movimento 5 Stelle a Napoli per effettuare una serie di sopralluoghi delle discariche di Chiaiano e Pianura e in quelle abusive di Poggioreale, Ponticelli e Casoria. E approfondiremo anche quanto è successo oggi. I roghi continuano a proliferare e nulla è cambiato da quando è stato emanato il decreto del governo dieci mesi fa. Non possiamo abbassare la guardia su questo tema, mai.

La mente sgombra

Foto: Riccardo Fraccaro: "Ho la mente sgombra oggi, dopo due giorni nella melma. Un liceale mi ha aiutato a sollevare una trave. Una giovane ricercatrice ha preso in mano la pala e ha riempito il secchio che, con il docente di Geologia, abbiamo portato fuori, in mezzo alla strada. Un imbianchino ci ha coordinati per il passamano e la dirigente dell'Inps ci ha portato da bere. 
Uno studente del primo anno di ingegneria si è tolto il fango dagli occhi sotto una fontana. Quattro giovani di una comunità di recupero, con il loro supervisore, si sono uniti al gruppo di raccolta degli archivi inzuppati. Delle donne sono passate a portarci pezzi di torta fatta in casa con molto, molto amore. Qualcuno ci ha riconosciuti e non è cambiato nulla. Siamo tutti uguali perché siamo tutti dalla stessa parte. 
Nella bufera ho visto il raggio di luce, nell'inferno ho visto l'umanità: dopo l'Italia che sprofonda, ho visto l'Italia che risorge".
Riccardo Fraccaro: “Ho la mente sgombra oggi, dopo due giorni nella melma. Un liceale mi ha aiutato a sollevare una trave. Una giovane ricercatrice ha preso in mano la pala e ha riempito il secchio che, con il docente di Geologia, abbiamo portato fuori, in mezzo alla strada. Un imbianchino ci ha coordinati per il passamano e la dirigente dell’Inps ci ha portato da bere.
Uno studente del primo anno di ingegneria si è tolto il fango dagli occhi sotto una fontana. Quattro giovani di una comunità di recupero, con il loro supervisore, si sono uniti al gruppo di raccolta degli archivi inzuppati. Delle donne sono passate a portarci pezzi di torta fatta in casa con molto, molto amore. Qualcuno ci ha riconosciuti e non è cambiato nulla. Siamo tutti uguali perché siamo tutti dalla stessa parte.
Nella bufera ho visto il raggio di luce, nell’inferno ho visto l’umanità: dopo l’Italia che sprofonda, ho visto l’Italia che risorge”.

 

Intervento al Circo Massimo – 16/10/2014

Il mio intervento al Circo Massimo #Italia5Stelle. Tre giorni incredibili che ci hanno permesso di confrontarci e di toccare con mano come potrebbe essere il nostro Paese con la rivoluzione culturale, pacifica e democratica del M5S. Il nostro Movimento non si esaurisce con le elezioni. Il nostro movimento è qualcosa di più grande, che si costruisce giorno dopo giorno, anche nelle più piccole azioni quotidiane. Abbiamo riscoperto il piacere di lottare insieme per il bene collettivo. Chi pensa che il proprio bene sia svincolato da quello della collettività, è semplicemente un pazzo o è in malafede. Il bene collettivo corrisponde esattamente al bene personale. “Sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo”, diceva Gandhi. Io ci credo fermamente. Dobbiamo avere il coraggio di cambiare, abbiamo un mondo meraviglioso da costruire.