Archivi del mese: ottobre 2017

Noi costruiamo il futuro

Salvini le può provare tutte per mostrarsi come il nuovo, ma non è altro che il vecchio che continua a riproporsi. Con un tocco di maquillage al logo e ammiccando ad alleanze, impossibili, con il MoVimento 5 Stelle, pensa di poter far dimenticare alle persone ciò che il suo partito, con le sue alleanze, ha prodotto nel nostro Paese negli anni. E continua ancora oggi: in Sicilia il segretario del Carroccio promuove insieme a Berlusconi la candidatura di Musumeci, sostenuta da liste di impresentabili. In Parlamento, nei giorni scorsi, ha contribuito a far approvare una legge elettorale vergognosa che non permette ai cittadini di scegliere. Soliti giochetti, solita propaganda per provare a ingannare i cittadini e sopravvivere politicamente. Il MoVimento 5 Stelle è agli antipodi su tutto questo, dalla visione di società ai programmi, al metodo politico utilizzato. E non stringe alleanze con i partiti che hanno contribuito ai disastri realizzati nel nostro Paese. Noi costruiamo il futuro.

Intervista a Coffee Break

È indegno il modo in cui si è arrivati ad approvare questa legge elettorale, a pochi mesi dalle elezioni e ponendo la questione di fiducia che ha azzerato la discussione in Parlamento. Sono le classiche operazioni politiche a cui questi partiti ci hanno abituati, come è accaduto anche nella vicenda di Bankitalia con Renzi, ex presidente del Consiglio e segretario del Pd, intervenuto fuori limite massimo. Dobbiamo guardare al di là dei loro giochetti e continuare nel nostro lavoro di progettazione e costruzione di un futuro diverso per il nostro Paese. A partire dalla Sicilia, dove i cittadini il prossimo 5 novembre potranno scegliere se continuare a far amministrare la regione a una classe politica che negli anni ha solo prodotto disastri o scegliere il cambiamento vero che solo il Movimento 5 Stelle può rappresentare, ponendo al centro dell’attenzione i temi che realmente interessano la collettività. Coraggio, scegliamo il futuro!
Ne ho parlato questa mattina a Coffee Break, ecco il mio intervento:

Più pensano di vincere, più stanno perdendo

La nostra lotta per la democrazia prosegue senza sosta, fuori e dentro le aule parlamentari. Mettendo mano alle regole del gioco, alterandole, i partiti pensano di aver trovato la soluzione per sopravvivere, ancora per un po’. Non sappiamo se ce la faranno, sappiamo però che questo tentativo disperato non ha niente a che vedere con la democrazia. Lo ha detto pochi minuti fa Beppe sul palco, usando delle belle parole. La democrazia è un’altra cosa, e risiede in altri luoghi: nella partecipazione di piazza, nelle periferie, nei territori dimenticati, non ha niente a che fare con queste bieche operazioni di potere. Lo dicevamo anche ai tempi della riforma costituzionale, approvata con metodi altrettanto vergognosi. Più pensano di vincere, più stanno perdendo. Oggi avrei voluto essere lì fisicamente, ma per un impedimento personale non mi è stato possibile. Sono però lì con il cuore, convinto che questa piazza, anche oggi, sia dalla parte giusta. Coraggio!

Il Parlamento europeo approva il report del M5S sul reddito di cittadinanza

Buone notizie dal Parlamento europeo: è stato approvato il report sul reddito di cittadinanza proposto dal MoVimento 5 Stelle. Il documento prevede un piano per fronteggiare l’emergenza povertà in Europa attraverso diverse misure, come l’uso del Fondo sociale europeo per cofinanziare il reddito di cittadinanza e l’adozione di una direttiva della Commissione europea vincolante per tutti gli stati membri in modo da affrontare il problema nell’ambito di un quadro normativo comune. Un importante passo in avanti nella lotta alla povertà e all’esclusione sociale. Leggete qui e passate parola.

Archivio Gianni Minà, la risposta della Rai

Ecco la risposta della Rai  alla mia interrogazione sull’archivio di “Blitz”, uno dei programmi storici di Gianni Minà. Come ricorderete, il giornalista aveva lanciato un appello nelle scorse settimane perché le puntate di quella trasmissione non andassero perdute a causa del deterioramento dei supporti materiali. Ebbene, qualche rassicurazione sembra arrivare da Viale Mazzini e finalmente attraverso una risposta puntuale.

La Rai afferma che alcune puntate di “Blitz” sono già state digitalizzate e che si starebbe procedendo alla digitalizzazione di tutto il materiale archiviato, compresi altri programmi firmati da Minà. Non risulterebbero problemi specifici per lo stato di conservazione dei supporti, custoditi negli archivi di Milano e Roma. Il prossimo anno – continua Viale Mazzini – “Blitz” figurerà anche nella sezione di RaiPlay dedicata a “I favolosi”, ovvero alle più importanti produzioni realizzate dalla tv pubblica negli anni scorsi. Intanto sul sito di Rai Teche sono pubblicati e disponibili alcuni estratti del programma.
Un cenno, infine, al piano complessivo di digitalizzazione del patrimonio audiovisivo del servizio pubblico, che è attualmente in fase di sviluppo e si prolungherà nell’arco di alcuni anni.

Bene, dunque, che si proceda verso questa direzione. Se la Rai darà concretamente seguito a quanto anticipato, sarà fatto un importante passo in avanti. Continueremo ovviamente a tenere i riflettori accesi su questo tema. La Rai custodisce quello che è a tutti gli effetti un pezzo del patrimonio culturale di tutti gli italiani. Preservare, valorizzare e rendere accessibili questi tasselli di memoria deve essere un impegno costante per il servizio pubblico.