Contributo aggiuntivo al canone erogato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri alla Rai – Interrogazione a risposta scritta

Ho presentato un’interrogazione alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e contestualmente un quesito alla Rai per capire perché la Rai, nonostante sia finanziata per 1,7 miliardi di euro con il canone pagato ogni anno dai cittadini, riceva dal Governo un contributo aggiuntivo.

Dal bilancio pluriennale 2013/15 di Palazzo Chigi, si evince che nel 2013 sono stati corrisposti alla tv pubblica 21 milioni di euro. Quest’anno ne arriveranno 21,8, mentre nel 2015 saranno 22 milioni.

La Rai è tenuta ad assolvere a tutti gli obblighi derivanti dal Contratto di Servizio attraverso le risorse provenienti dalla raccolta del canone, in quanto concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo. Perché allora la Presidenza del Consiglio dei Ministri destina queste somme “per servizi speciali aggiuntivi a quelli in concessione”? Rai e Governo devono spiegare in che modo sono usate queste risorse pubbliche e come sono ripartite.

Il testo: Interrogazione a risposta scritta contributo Rai Presidenza del Consiglio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>