Partito democratico alla frutta

A cosa si è ridotto il Pd. Per sfiduciare un proprio sindaco si affannano in queste ore a convincere almeno sei consiglieri di altri schieramenti a rassegnare le dimissioni. Per lo scioglimento automatico del consiglio comunale servono infatti numeri che il partito di Renzi non ha. Ed è così iniziata la ricerca tra fittiani, esponenti di Ncd e del centro democratico. Tutto pur di non assumersi le proprie responsabilità passando per un confronto in Aula e pur di non firmare la mozione di sfiducia già depositata dal M5S. Sono alla frutta.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>