Qual è il mondo che veramente desideriamo e vogliamo costruire?

Leggete il regolamento, vergognoso, che il comune di Pontida (giunta leghista) ha approntato il 2 settembre per i permessi di parcheggio alle donne in gravidanza e in un attimo sarete catapultati in una lontana epoca di discriminazioni. A quanto pare il sindaco ha dovuto fare marcia indietro e ha annunciato che modificherà il regolamento, ma con i criteri che avevano individuato erano stati capaci di distinguere tra madri di serie A e di serie B prevedendo che a richiedere il rilascio del pass potessero essere “esclusivamente le donne appartenenti a un nucleo familiare naturale e cittadine italiane o di un paese membro dell’Unione Europea”. Tutte le altre donne, no.
Salvini potrà pure continuare a divertirsi a fare video in cui ironizza sulle delibere adottate dalla giunta di Torino, ma il tipo di società che il suo partito, la Lega, con provvedimenti come quello dell’amministrazione di Pontida prospetta, è quanto di meno allegro e auspicabile possa esistere. Qual è il mondo che veramente desideriamo e vogliamo costruire? Un mondo che coltiva una cultura della discriminazione e dell’intolleranza o un mondo che combatte quelle discriminazioni per costruire uno spirito di comunità? Il MoVimento 5 Stelle non ha dubbi ed è questa la sua visione di società, lontana anni luce da quella della Lega. Una società in cui nessuno deve rimanere indietro.

Vi riporto le parole della nostra sindaca di Torino Chiara Appendino: “Lascio valutare a voi quale sia il mondo che veramente desiderate. Se un mondo dove esistono mamme di serie A e di serie B o un mondo dove non esiste questo tipo di discriminazioni. Se un mondo dove anche il linguaggio adottato nei pubblici uffici è attento alle discriminazioni di genere o un mondo dove se ti definisci ‘sindaca’ ti piovono addosso montagne di insulti. Il primo è il mondo che vorrei lasciare a mia figlia, il secondo mi ricorda un po’ troppo il Medioevo per essere un modello a cui aspirare”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>