Archivi tag: elezioni

27 e 28 maggio: tour in Calabria

tour comuni calabria 2017
Il 27 e il 28 maggio  parteciperò insieme ai miei colleghi Federica Dieni, Dalila Nesci e Paolo Parentela e all’europarlamentare Laura Ferrara a un tour nei comuni calabresi dove il MoVimento 5 Stelle è candidato alle prossime amministrative.
Faremo tappa a Luzzi, Paola, Catanzaro, Villa San Giovanni, Pizzo e Amantea per sostenere i candidati del M5S e prendere parte a una serie di eventi e incontri con i cittadini.
Ecco, nel dettaglio, gli appuntamenti, vi aspettiamo!
SABATO 27 MAGGIO
ore 16.00: LUZZI (CS) – piazza Garibaldi
ore 18.00: PAOLA (CS) – piazza del Popolo
ore 21.00: CATANZARO – lungomare
DOMENICA 28 MAGGIO
ore 11.30: VILLA SAN GIOVANNI (RC) – piazza Valsesia
ore 17.30: PIZZO (VV) – piazza della Repubblica
ore 21.00: AMANTEA (CS) – piazza Commercio

Approvata alla Camera la proposta di legge M5S su Elezioni Pulite

La proposta di legge del MoVimento 5 Stelle “Elezioni pulite” è stata approvata poco fa alla Camera! Si tratta di uno strumento utile per contrastare i brogli e il voto di scambio. Sono previste, infatti, regole più stringenti per la nomina dei componenti delle sezioni elettorali e una maggiore trasparenza per lo svolgimento delle operazioni di voto.
Ascoltate l’intervento della mia collega Dalila Nesci, prima firmataria e relatrice della legge.

Candidati a loro insaputa: Napoli non merita questo trattamento. La Valente e il Pd ne traggano le conseguenze

Alle ultime elezioni comunali di Napoli la candidata sindaco per il Partito Democratico, Valeria Valente, è stata sostenuta anche da Napoli Vale, lista civica che riproponeva sia lo slogan usato nella campagna elettorale, sia il nome della candidata sindaco. Fino a qui niente di male. In questi giorni, però, è emerso che nove delle persone presenti nella lista sarebbero state candidate senza esserne a conoscenza. Quindi qualcuno le avrebbe inserite nella lista usando firme e documenti a loro insaputa. La magistratura ha aperto un’inchiesta. Al di là delle implicazioni giudiziarie su cui si indaga, c’è anche un fattore politico da analizzare. Una lista di candidati per le elezioni comunali è composta da poche decine di persone. Come è possibile che non si sia mai fatta una riunione con tutti i candidati e che la candidata sindaco non abbia avuto l’interesse di conoscere i componenti della lista che riportava il suo slogan? Come è possibile che non ci sia stato un controllo? Questo significa non essere seri e non amare la propria città. E conferma che non è possibile fare, come accaduto in questo caso, il parlamentare della Repubblica italiana e il candidato sindaco di una grande città se, tra le conseguenze, c’è anche quella di non riuscire a conoscere le persone che ti sostengono, persone che potrebbero essere in futuro la tua maggioranza in Consiglio. Napoli non merita questo trattamento da nessuna forza politica. Che il PD napoletano ne tragga le conseguenze più in fretta possibile. Dimissioni per scarsezza d’amore.

Candidata a sua insaputa nella lista Napoli Vale, vicenda gravissima. Occorre fare luce su quanto accaduto

Alle scorse elezioni comunali a Napoli una ragazza affetta da sindrome di down sarebbe stata inserita a sua insaputa in una delle liste a sostegno di Valeria Valente, candidata del Partito Democratico alla carica di sindaco. Si trattava della lista civica Napoli Vale – Valeria Valente sindaco che, come si vede, riportava sia il nome dell’aspirante prima cittadina sia lo slogan usato in campagna elettorale. La parlamentare e consigliera comunale afferma di essere totalmente all’oscuro di tutto. Ma c’è da chiedersi come sia possibile che un candidato sindaco non conosca l’identità di chi la sostiene e non sappia come vengono compilate le liste a lei ricollegate. Questo la dice lunga su come i partiti facciano politica e si presentino ai cittadini arrivando addirittura a utilizzare per i propri fini le persone più deboli. E a quanto emerge nelle ultime ore, non si tratterebbe neanche di un fatto isolato. I miei colleghi della Commissione Affari sociali hanno già annunciato che assumeranno iniziative in Parlamento al riguardo. Occorre fare luce su questa vicenda gravissima e capire cosa sia successo.

Italicum, Napolitano e i timori dei partiti

“L’Italicum va bene così”: lo dichiarava Giorgio Napolitano circa un anno fa, il 14 aprile 2015. Ieri invece l’ex presidente della Repubblica affermava in un’intervista che la legge elettorale voluta da Renzi può essere cambiata. Cos’è che spinge tutti a continuare a parlare di legge elettorale e a chiedere la modifica dell’Italicum, un provvedimento approvato poco più di un anno fa e mai utilizzato? Gli esponenti del Pd non fanno altro. Sappiamo bene quali sono i loro timori. Faranno di tutto per impedire la vittoria del M5S alle prossime elezioni, anche andando a modificare di corsa le regole che loro stessi si sono dati.


Ovviamente noi siamo pronti ad abolire subito l’Italicum e a sostenere una legge che rispetti integralmente tutti i principi costituzionali – così come espressi anche dalla sentenza della Consulta – e che dia pieno potere di scelta e rappresentanza a tutti i cittadini.

Perché le leggi non si scrivono per convenienza di parte, ma per realizzare la democrazia e tutelare i cittadini. Questo è quello che farebbe una forza politica seria, questo è quello farebbe il Movimento 5 Stelle.

5 proposte 5 stelle per cambiare l’Italia

5 proposte 5 stelole

A queste elezioni hanno vinto in maniera netta e inequivocabile le proposte e le idee del MoVimento 5 Stelle. Da nord a sud, nelle città piccole e nelle città grandi. Perfino Renzi ha dovuto ammettere la sconfitta del Pd e il fatto che il voto è stato di cambiamento e non di protesta. Il MoVimento 5 Stelle ha riempito il Parlamento di proposte che sono diventate realtà nei comuni dove il M5S è al governo. Perchè il Pd non le approva? E’ tempo di fare gli interessi dei cittadini, non dei banchieri e delle lobby. Con 5 proposte 5 stelle cambiamo tutto!
1) Reddito di Cittadinanza
2) Abolizione di Equitalia
3) Abolizione dell’IRAP per le PMI
4) Taglio degli stipendi dei parlamentari
5) DASPO ai corrotti

Ps: Le 5 proposte saranno presentate oggi in una conferenza stampa sull’analisi del voto delle amministrative alle 16. La diretta sarà trasmessa in streaming sul Blog delle Stelle.

A Torino l’alternativa è Chiara!

Un’energia straordinaria ieri sera a Torino. Stiamo scrivendo tutti insieme una nuova pagina nella storia di questo Paese e domenica, con una matita, possiamo voltare pagina a Torino, a Roma e in tutti i comuni in cui il M5S è al ballottaggio.
In bocca al lupo a Chiara Appendino che con passione, competenza, onestà, ha lavorato in consiglio comunale e continuerà a farlo come sindaco. L’alternativa è Chiara!

Ecco il mio intervento per la chiusura della campagna elettorale del MoVimento 5 Stelle a Torino:

Patrizia Bedori e Chiara Appendino candidate sindaco a Milano e Torino per il M5S

appendino e bertoni

Patrizia Bedori e Chiara Appendino sono le candidate Sindaco di Milano e Torino per il Movimento 5 Stelle!
In questo periodo i giornali hanno scritto di tutto sulle modalità di selezione del M5S per i candidati alle prossime amministrative. Hanno parlato di un Movimento in pieno mutamento genetico, pronto a sacrificare le sue regole e i suoi valori e a cambiare pelle per diventare un partito. Non si riesce a concepire l’idea che il Movimento sia in tutto e per tutto un’altra cosa rispetto ai partiti. Nessun portavoce eletto lascerà il proprio mandato per candidarsi, nessun nome “di punta” o personaggio “noto” sarà calato dall’alto.
A Torino e a Milano le nostre candidate sono state scelte al termine di assemblee partecipate e di un percorso trasparente. Il Movimento è formato e portato avanti da cittadini che hanno deciso di mettere a disposizione del progetto e della comunità la propria esperienza, il proprio lavoro, il proprio impegno affinché si possano ricostruire dal profondo i pilastri del nostro Paese. E con persone come Patrizia e Chiara ci riusciremo.
In bocca al lupo alle nostre meravigliose candidate Sindaco. A riveder le stelle!

5 su 5: il M5S trionfa ai ballottaggi!

Comuni 5 Stelle ballottaggi giugno 2015

5 su 5. Abbiamo vinto cinque ballottaggi su cinque! Quarto, Venaria, Porto Torres, Gela e Augusta saranno amministrate dal Movimento 5 Stelle. Un’emozione incredibile. A piccoli passi stiamo riscrivendo la storia di questo Paese. A Quarto Rosa Capuozzo guiderà un’istituzione commissariata negli ultimi 20 anni per ben 4 volte per commistioni con la malavita. A Gela trionfiamo nella città del presidente della Regione Sicilia Crocetta. I cittadini e l’onestà rientrano in questi comuni dalla porta principale. E tante cose cambieranno. Continuiamo a partecipare alla vita pubblica, non limitiamoci a porre una croce su un simbolo. Lavoriamo insieme nell’interesse della collettività come solo una comunità sa fare. Buon lavoro ai nuovi sindaci 5 stelle. Avanti tutta!

I candidati sindaco M5S al ballottaggio

Candidati sindaci M5S ai ballottaggi giugno 2015

Domenica 14 giugno si vota per i ballottaggi che porteranno all’elezione di nuovi sindaci. I risultati del primo turno hanno acceso una speranza in cinque Comuni, dove i cittadini hanno la possibilità di far entrare un vento nuovo, aria pulita, con il Movimento 5 Stelle. Fate conoscere i nostri 5 candidati sindaci. Domenica trasformiamo questa speranza in realtà.

Rosa Capuozzo, al ballottaggio a Quarto (Napoli).
Cettina Di Pietro, al ballottaggio a Augusta (Siracusa).
Roberto Falcone, al ballottaggio a Venaria (Torino).
Domenico Messinese, al ballottaggio a Gela (Caltanissetta).
Sean Christian Wheeler, al ballottaggio a Porto Torres (Sassari).