Archivi tag: mafia capitale

Interrogazione sull’assenza della Rai all’interrogatorio di Buzzi nel processo Mafia Capitale

In un estratto dell’interrogatorio di Salvatore Buzzi avvenuto giorni fa si sente la voce del suo avvocato che a un certo punto afferma “Ma oggi non c’è la Rai quindi può andare tranquillo. Stranamente oggi che lei parla di tutte queste cose, la Rai non è venuta”. In quella seduta il ras delle cooperative accenna alle cene con il ministro Martina e con Renzi. Ritorna sulle richieste di tangenti che gli arrivavano da più parti. Mentre parla gli scappa addirittura un “Noi del Pd eravamo tutti lì” con riferimento alla chiusura della campagna elettorale per le europee. Ma la Rai, appunto, non c’era. Al di là delle dichiarazioni rese da un imputato, che le testate giornalistiche Rai avrebbero autonomamente valutato se diffondere o meno, appare sconcertante che operatori e giornalisti del servizio pubblico non stessero seguendo un processo così importante come quello di Mafia Capitale. A trasmettere, invece, l’audio della seduta e ad assicurare ciò che avrebbe dovuto assicurare un servizio pubblico, è stata Radio radicale. Non sarebbe doveroso per la Rai impegnarsi a coprire tutte le fasi di un dibattimento che è di evidente interesse per l’opinione pubblica, considerati i soggetti coinvolti e la gravità dei fatti contestati? Per fare luce su quanto accaduto, su un’assenza incomprensibile, ho presentato un’Interrogazione alla Rai. Vi terrò aggiornati.

“È ASSOLUTAMENTE INCORRUTTIBILE”

Vicesindaco M5S Civitavecchia - "Assolutamente incorruttibile"

E’ successo di nuovo. Si parla di un amministratore M5S in un’intercettazione telefonica. Daniela Lucernoni, il nostro vicesindaco di Civitavecchia, è stata definita dai faccendieri della cricca del litorale laziale: “ASSOLUTAMENTE INCORRUTTIBILE”.

Dopo l’episodio che ha coinvolto 6 mesi fa il nostro Sindaco di Pomezia definito “incorruttibile” dai protagonisti di “Mafia Capitale”, adesso è la volta di Daniela.

Come ricorderete nell’aprile 2013 il boss delle cooperative rosse Salvatore Buzzi, al telefono, confidava le sue preoccupazioni all’ex terrorista dei Nar Massimo Carminati: “Grillo ha distrutto il Pd, noi non ci stiamo più”. Il rischio era che il sistema di Mafia Capitale, con il successo del Movimento 5 Stelle, non riuscisse più a stringere affari con la politica, perché finalmente si era affermata una forza al di sopra delle parti, fatta di cittadini puliti, trasparenti. In una parola: incorruttibili.

Nel giugno 2015 la conferma. “Su Pomezia non abbiamo alcuna protezione, il sindaco è incorruttibile”, diceva ancora, Salvatore Buzzi, commentando l’integrità del primo cittadino M5S del comune alle porte di Roma, Fabio Fucci.

OGGI è invece un altro esponente M5S a mostrarsi inalterabile, alieno a qualsiasi forma di quella criminalità che per anni ha affondato le radici nel vecchio sistema partitico. Il caso riguarda l’inchiesta sulle cooperative del litorale laziale. Quindi la solita spartizione di appalti, affidamenti diretti, mazzette e tangenti.
Le prime intercettazioni contenute nell’informativa della Guardia di finanza hanno mostrato il volto pulito del nostro assessore e vicesindaco di Civitavecchia Daniela Lucernoni, “assolutamente incorruttibile”.

L’Italia può cambiare grazie ai cittadini onesti che si mettono al servizio della comunità!
Siamo convinti che la miglior misura anticorruzione per questo Paese sia eleggere amministratori del Movimento 5 Stelle.

Le responsabilità del Pd nel disastro romano

Il comune di Roma andava sciolto un anno fa quando è scoppiato lo scandalo di Mafia Capitale. Ma il Pd ha preferito temporeggiare e non costringere Marino alle dimissioni perché aveva paura di misurarsi con il M5S alle elezioni comunali. Hanno preferito aspettare per poter ricondurre la fine anticipata dell’amministrazione comunale non al sistema di corruzione e malaffare di Mafia Capitale (in cui sono coinvolti tutti i partiti, Pd in primis, tranne il Movimento 5 Stelle) ma alle “colpe” di un singolo, Marino, facendogli terra bruciata intorno e cercando di allontanarlo dall’immagine del partito. Ma da qualsiasi angolo si voglia guardare la questione, è evidente l’enorme responsabilità di tutto il Pd nel disastro romano, a partire dal segretario Renzi fino al commissario romano Orfini: sia perché molti esponenti del Pd sono coinvolti nel sistema di mafia capitale, sia perché hanno fatto di tutto per non andare, come sarebbe stato giusto, subito al voto, sia per aver difeso la discutibile gestione amministrativa di Marino.
E se oggi l’opinione pubblica è a conoscenza delle menzogne del sindaco, e finalmente siamo a un passo dal ritorno alle urne, è solo perché il M5S ha sollevato la questione.
Si vada al voto il prima possibile, Roma deve voltare pagina.

Toccherà al Movimento 5 Stelle amministrare il Comune di Roma

La Capitale in salsa Pd ha un gusto amaro. Quello che sta accadendo a Roma è disgustoso.
È una vergogna il Pd romano che non ha fatto niente per risollevare questa città e continua solo a creare problemi di una gravità inaudita, è una vergogna il Sindaco Marino che cerca di mettere delle toppe che sono peggiori dei buchi che ha causato, è un vergogna il Pd nazionale che sa solo perdere tempo con le sue guerre interne e, nonostante abbia piazzato i suoi uomini negli assessorati del Comune, è stato capace solo di peggiorare le cose. Toccherà al Movimento 5 Stelle amministrare il Comune di Roma e non sarà facile perché questi “ominicchi” lo hanno devastato. L’unica possibilità per Roma sarà cacciare i partiti dal Comune e fare entrare i cittadini. Noi, come sempre, ci saremo

Intervento a diMartedì / 9/06/2015

Da qualche giorno è iniziata la caccia al nome del candidato del Movimento 5 Stelle a sindaco di Roma. Ma non è con una sola persona, con un leader, che possiamo pensare di risolvere i problemi della Capitale e del Paese. Un nome non basta: quello di cui abbiamo bisogno è un cambiamento culturale profondo. Servono trasparenza, onestà, la consapevolezza e la partecipazione di tutti i cittadini. Noi siamo pronti per governare Roma, il nostro candidato è il Movimento 5 Stelle.
Il mio intervento a #diMartedì

Fabio Fucci (M5S) sindaco incorruttibile

Ecco cosa significa avere un sindaco del Movimento Cinque Stelle:

Fabio Fucci, primo cittadino pentastellato di Pomezia, sarebbe stato nominato dallo stesso Salvatore Buzzi, principale protagonista dello scandalo di Mafia Capitale. «Buzzi spiegava (a un altro interlocutore che gli chiedeva come fosse la situazione su Pomezia, ndr) che in realtà – è scritto nell’ordinanza del gip di Roma Flavia Costantini – non hanno alcuna protezione, sottolineando che il Sindaco di Pomezia è incorruttibile».

Mafia Capitale, altri 44 arresti. Conferenza stampa del M5S dalle ore 15

Mafia Capitale - conferenza stampa M5S

Qualche sera fa il presidente del Pd (nonché commissario straordinario del partito a Roma) Orfini diceva che il suo partito non è coinvolto in Mafia Capitale. Sono bastate 48 ore per smentirlo ancora una volta: altre 44 persone sono state arrestate questa mattina nell’ambito della stessa inchiesta e tra loro ci sono diversi esponenti del Pd e di altre forze politiche. L’accusa è di aver contribuito a creare un business sui flussi migratori e i campi di accoglienza. Il M5S non è ovviamente coinvolto. Alle 15 terremo una conferenza stampa su Mafia Capitale. Seguitela in diretta streaming su La Cosa. Saranno presenti Luigi Di Maio, Roberta Lombardi, Paola Taverna e una rappresentanza del gruppo consiliare romano.

Oggi a Roma la Notte dell’Onestà!

Vi aspettiamo oggi a Roma per la Notte dell’Onestà! E’ da molto tempo che il Movimento Cinque Stelle dice che l’onestà deve tornare di moda. Ci stiamo provando in tutti i modi, nelle istituzioni, qui in Parlamento, e alla fine, grazie a tutti voi, ci riusciremo! Vi aspettiamo dalle 16.30 in piazza del Popolo. A riveder le stelle!