La risposta della Rai all’interrogazione sull’Arena

Questa è la risposta che la Rai ha fornito al mio quesito sulla puntata dell’Arena dedicata al dibattito sulla città di Napoli.
Una risposta intollerabile ed irricevibile per due ragioni essenziali.

Innanzitutto l’azienda non propone una sua posizione sulla vicenda ma si limita a incollare nel documento la trascrizione del monologo che lo stesso Giletti aveva pronunciato la domenica successiva per illustrare la sua autodifesa sulla vicenda. Una replica quindi inadeguata e un modo di operare quanto meno singolare visto che la Rai non si preoccupa nemmeno di spiegare perché la propria valutazione della vicenda coincide con quella del conduttore.

Inoltre la risposta non affronta in alcun modo la questione centrale sollevata dalla mia interrogazione, ovvero la modalità con cui si è svolto ed è stato (non) gestito il dibattito da parte del conduttore che, come già accaduto in passato, si è reso protagonista di un episodio incompatibile con i principi cardine del servizio pubblico (correttezza del linguaggio e dei comportamenti, qualità del dibattito, rispetto del contraddittorio, ecc). Da questo punto di vista si tratta di un riscontro non puntuale e assolutamente non esaustivo.

Come presidente della Commissione di vigilanza Rai pretendo che l’azienda risponda in modo conforme alle regole ai quesiti posti dai commissari rispettando il ruolo del Parlamento. Le interrogazioni rientrano infatti nell’ambito di una delle funzioni principali di questo organismo bicamerale, ovvero quella di verificare la qualità dell’informazione e l’aderenza dei contenuti ai principi del servizio pubblico. Risposte del genere, invece, sviliscono tale importante funzione.

Ho quindi deciso di inviare nuovamente il quesito nella sua versione originaria e di chiedere al presidente e al direttore generale della Rai di esprimere chiaramente la posizione dell’azienda in merito ai fatti accaduti.

Un pensiero su “La risposta della Rai all’interrogazione sull’Arena

  1. La risposta è chiarissima. Se Lei si fosse informato direttamente ascoltando le parole realmente pronunciate da Giletti, invece che fidarsi di quanto Le era stato malamente riferito, avrebbe dedicato opportunamente il Suo tempo alle molte altre cose su cosa la Sua attenzione sarebbe auspicabile. La puntata dell’Arena, peraltro, non trattava delle “problematiche di Napoli” ma della buffonesca querelle sui biglietti omaggio per lo stadio cedibili a terzi, che aveva a lungo impegnato assurdamente il consiglio comunale e resa ancor più patetica dalle improbabili argomentazioni in difesa di questo “diritto”! in particolare quella dell’assessore Crocetta, presente in studio, che ne aveva giustificato la necessità per svolgere controlli amministrativi(!) Nemmeno Totò avrebbe osato tanto. .Se ascolta o legge cosa ha detto esattamente Giletti capirà che non solo non ha offeso Napoli e i napoletani, ma li ha difesi da questa “politica scarsa” che definire scarsa è farle un gran complimento. Crocetta non potendo difendere l’indifendibile, da “buon avvocato” ha contrattaccato-tipico!- attaccando la Rai. Giletti ha difeso con forza l’azienda, chi vi lavora con serietà e impegno ed esortato Crocetta e tutti gli amministratori napoletani a dedicarsi a cose più utili, seri, proficue per cui sono tenuti a operare. Cosa che invito anche Lei a fare con grande utilità e per le quali spero di poterLe confermare sincera stima.
    Cordialmente.
    Rosalba Messeni Nemagna

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>