Archivi tag: Alemanno

Il pacchetto anticorruzione del M5S è fermo da un anno. Renzi fa demagogia – Intervista Fatto Quotidiano Tv

Il Movimento 5 Stelle è l’unica forza politica non coinvolta nell’inchiesta di Mafia Capitale, mentre i partiti sono tutti toccati dagli scandali. Sono questi partiti a non permettere il cambiamento, a bloccare la società. Noi lavoriamo per il bene comune ogni giorno, senza alcun tipo di interesse alle spalle. Chi può dire la stessa cosa? Questo Paese è morto sul conflitto di interessi, che continua a non essere risolto. Noi abbiamo fatto e presentato la nostra proposta. Gli altri si sono fermati alle parole.

Le proposte anti-corruzione del M5S: intervista a Radio 105

Riforma della prescrizione, reintroduzione del falso in bilancio,aumento delle pene per il reato di scambio politico – mafioso sono solo alcune delle proposte di legge contro corruzione e malaffare presentate in Parlamento dal Movimento 5 Stelle.
Ne ho parlato a Radio 105. Potete ascoltare qui il mio intervento.

Interrogazione su visibilità mediatica Gianni Alemanno

Tg e programmi di approfondimento stanno dedicando, come è giusto, ampio spazio all’inchiesta giudiziaria su Mafia Capitale, agli arresti, agli indagati, tra i quali compare anche Gianni Alemanno, accusato di associazione di tipo mafioso. Le indagini faranno il loro corso. Intanto, però, in televisione e sulla Rai in particolare, l’ex sindaco di Roma ha goduto nei giorni scorsi, di una straordinaria visibilità attraverso interviste nei principali telegiornali e interventi in talk show. Questa presenza mediatica per me è inopportuna, considerata l’attuale fase dell’inchiesta e le pesanti accuse alle quali Alemanno è chiamato a rispondere.
Il mezzo televisivo ha delle peculiarità e un’invasività indubbie che implicano una responsabilità nell’utilizzo. Ogni giorno però vediamo che c’è chi lo sceglie come luogo privilegiato per fare politica, quando le sedi sarebbero tutt’altre. Oppure, quando scoppiano casi come quello di Mafia Capitale, il rischio è che i salotti televisivi si trasformino in aule di tribunale improprie, con la conseguenza di creare confusione rispetto alla stessa funzione degli organi di informazione. C’è dunque da chiedersi se questo uso del servizio pubblico radiotelevisivo sia il più adeguato per informare i cittadini, rispettando i principi di completezza, imparzialità e obiettività. Ho presentato sul punto un quesito alla Rai. Eccolo: Interrogazione visibilità mediatica Alemanno

L’inchiesta Mafia Capitale

L’ex sindaco della Capitale indagato, sotto inchiesta consiglieri del Pd e Fi, 37 arresti, 100 indagati. Accuse che vanno dall’associazione di tipo mafioso all’estorsione, usura, corruzione, turbativa d’asta, false fatturazioni e riciclaggio. Un “ramificato sistema corruttivo”, questa la definizione della Procura, manovrato da Massimo Carminati, ex terrorista di estrema destra dei Nar ed ex membro della Banda della Magliana, ora in manette. Non è il nuovo capitolo della serie Romanzo Criminale. È quanto emerge dalla maxi operazione in corso in queste ore a Roma che ci restituisce l’immagine di una città avvolta dai tentacoli di criminalità organizzata, malaffare e corruzione. E si tratterebbe soltanto di una prima ondata di arresti. Roma, e l’Italia, non meritano tutto questo. Non meritano di essere gestite da una holding del crimine che si infiltra nella gestione della cosa pubblica con il coinvolgimento dei politici. Io dico che è tempo che questo tipo di sistema venga sostituito da una rete di cittadini onesti che mettano al primo posto il benessere collettivo e la gestione virtuosa dei beni pubblici. Noi lavoreremo per questo, ve lo assicuro, ogni giorno. E con il sostegno di tutti voi, ce la faremo.