Archivi tag: Antonio Campo Dall’Orto

La Rai trasmetta il piano news alla Commissione di vigilanza

Ciao a tutti, volevo aggiornarvi sulla questione che riguarda il piano news della Rai. Mesi fa il Consiglio di amministrazione di Viale Mazzini ha bocciato il progetto di riorganizzazione dell’informazione del servizio pubblico proposto dall’ex direttore generale Antonio Campo Dall’Orto. E proprio questa bocciatura, come ricorderete, ha poi portato alle dimissioni dello stesso Campo Dall’Orto, dimissioni che hanno aperto la strada alla nomina di Mario Orfeo come nuovo direttore generale. La Commissione di vigilanza, all’unanimità, ha chiesto da tempo al cda della Rai di poter visionare questo piano e comprendere le ragioni che ne hanno impedito l’approvazione. Molti consiglieri di amministrazione della Rai si sono espressi a favore in tal senso, ma con una lettera la Presidente Maggioni ha comunicato che il progetto non poteva essere trasmesso alla Commissione. Si tratta di un atto gravissimo: perché un documento che potrebbe essere senza problemi pubblico e trasparente resta segreto e giace nei cassetti del cda Rai? E perché ci si rifiuta di trasmetterlo a un organismo parlamentare come la Commissione di vigilanza?
Chiediamo nuovamente che il piano news proposto da Campo Dall’Orto arrivi in Commissione di vigilanza e agiremo in tutte le sedi per averlo.
L’informazione è uno dei capisaldi della missione di servizio pubblico ed è inaccettabile che il cda si rifiuti di inviare il piano. Continueremo a insistere in questa richiesta perché si faccia definitivamente chiarezza.

Mercoledì Maggioni e Campo Dall’Orto in Vigilanza Rai su Piano trasparenza

Mercoledì 27 luglio in commissione di Vigilanza Rai saranno auditi la presidente della Rai Monica Maggioni e il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto. I vertici Rai sono stati convocati per fare il punto sul Piano per la trasparenza e la comunicazione aziendale che obbliga l’azienda a pubblicare sul proprio sito una serie di informazioni tra cui quelle su retribuzioni e curricula di dirigenti e consulenti. Sarà l’occasione anche per chiedere conto dello sforamento del tetto dei 240 mila euro per gli stipendi Rai.

L’audizione sarà trasmessa in streaming sulla web tv della Camera dei Deputati.
Potrete seguire la diretta a partire dalle ore 14.00.

Il Dg Rai non dovrebbe partecipare alla Leopolda di Renzi

Il direttore generale della televisione pubblica non dovrebbe partecipare a riunioni di partito. Per questo Antonio Campo Dall’Orto non dovrebbe andare alla Leopolda, la manifestazione del Pd che fa capo alla corrente di Matteo Renzi. Per l’idea che ho del servizio pubblico, la ritengo una presenza inopportuna: è una questione di eleganza ma anche di sostanza. Ne ho parlato con Il Fatto Quotidiano. Potete leggere qui di seguito l’intervista completa

fq_11-12-2015

 

L’ex portavoce del ministro Orlando nuovo capo ufficio stampa Rai

Vi faccio una domanda: se foste nei panni del direttore generale della Rai e ci fosse la necessità di nominare un nuovo capo ufficio stampa, responsabile della comunicazione dell’azienda, vi rivolgereste all’esterno o provereste magari a trovare il profilo giusto tra gli oltre 1700 giornalisti presenti in Rai?
La soluzione di buon senso, che immagino tutti applichereste, è ovviamente la seconda. Ma il dg Campo Dall’Orto ha preferito la prima scegliendo come nuovo responsabile dell’ufficio stampa Luigi Coldagelli, il portavoce del ministro della giustizia Orlando. Sì, avete capito bene, il portavoce di un ministro dell’attuale governo!
Nessuna procedura di selezione interna è stata minimamente ipotizzata. Può essere comprensibile la ricerca di professionisti esterni quando all’interno dell’azienda non si riscontrano competenze specifiche, ma proprio in Rai i giornalisti non mancano! E, poi, tra migliaia di giornalisti esterni che potevano essere scelti, ci si è rivolti proprio al portavoce di un ministro che, tra l’altro, ha sempre lavorato nell’area del Pd. Ma un minimo di decoro mai? Presenterò un’interrogazione alla Rai al riguardo.

Seguito audizione del presidente e del direttore generale RAI

audizione_commissione_24-11-2015_seguito

Oggi in Commissione di vigilanza si svolgerà il seguito dell’audizione del presidente Rai Monica Maggioni e del direttore generale Antonio Campo Dall’Orto.

Potrete seguire la diretta dei lavori collegandovi alla web tv della Camera dei Deputati o qui di seguito.

Inizio audizione 13.30.

La Rai deve sempre assicurare un servizio pubblico di alta qualità

Ieri ho sentito il direttore generale Rai Antonio Campo Dall’Orto come proposto nell’ufficio di presidenza della Commissione di vigilanza Rai.
Ci siamo confrontati sull’ultimo caso di disservizio pubblico, quello dell’Arena di Giletti, che ha animato l’opinione pubblica questa settimana.
La Commissione di vigilanza pretende che la Rai assicuri sempre un servizio pubblico di alta qualità e in particolare nei programmi di informazione e di infotainment, ugualmente significativi per il racconto della realtà.
La Rai deve offrire spazi di dibattito e approfondimento che siano da modello e da stimolo per i cittadini, spazi in cui l’espressione di posizioni differenti sia ricondotta sempre nell’ambito di un confronto corretto e costruttivo e non degeneri nella bagarre creata ad arte per dare spettacolo e non per informare.

Maggioni e Campo Dall’Orto in Commissione vigilanza Rai

audizione_commissione_28-10-2015_maggioni-campodallorto2

Vi invito a seguire i lavori della Commissione di ‪#‎vigilanzaRai‬ oggi. Alle 14:00 svolgeremo la prima audizione dei nuovi vertici della televisione pubblica: ci confronteremo con la presidente della Rai Monica Maggioni e con il direttore generale Antonio Campo Dall’Orto.

L’incontro sarà come sempre trasmesso in diretta streaming e tutti potrete essere informati sui progetti per il servizio pubblico che la nuova dirigenza intende realizzare, sulle novità in arrivo per le news room e sui cambiamenti relativi al canone.

Ovviamente chiederemo alla presidente e al direttore generale quali misure intendono adottare rispetto allo scandalo delle tangenti pagate dall’imprenditore David Biancifiori ad alcuni funzionari ‪#‎Rai‬ per aggiudicarsi appalti e commesse. Su questa vicenda serve la massima trasparenza.

A dopo!

L’indipendenza della Rai in salsa renziana

Oggi alle 17:00 si riunisce il consiglio di amministrazione della Rai per nominare il nuovo direttore generale. E fino a qui ci siamo. Ma leggo da alcune agenzie di stampa che oggi si vorrebbero nominare anche i due vicedirettori generali e questa mi sembra davvero un’assurdità, visto che sono persone che dovrebbero lavorare a stretto contatto con il direttore generale, ma con cui il futuro Dg non può aver avuto ancora il tempo di confrontarsi. Perché si parla già di Leone, direttore di Rai 1, perché si parla di De Siervo, amico storico della famiglia di Renzi? Chi avrebbe scelto queste due persone? E perché questa fretta? Il nuovo dg da statuto Rai propone al cda i nuovi vicedirettori generali. Come fa Campo Dall’Orto ad avere già chiare le figure dei suoi vice? Fatto così è evidente che sono nomi imposti dal premier. Ecco servita l’indipendenza della Rai in salsa Renziana. Un manager ha due strade davanti a sé: quella dell’autonomia e quella dell’accondiscendenza. Bisogna scegliere cosa essere e a breve lo scopriremo.