Archivi tag: dimissioni

Napolitano garante di riforme scellerate – Intervista Fanpage

Con le dimissioni di Napolitano, salutiamo il Presidente che ha preteso la distruzione delle sue intercettazioni finite nell’inchiesta Stato-mafia, attaccando quegli stessi magistrati  già nel mirino della criminalità organizzata su ordine diretto di Totò Riina. Il Presidente che ha firmato il lodo Alfano, il legittimo impedimento (entrambe dichiarate incostituzionali), e la legge Fornero. Non lo rimpiangeremo. Chiediamo che rinunci anche alla carica di senatore a vita, che la Costituzione gli assegna di diritto. E’ la stessa Carta costituzionale, all’articolo 59, a prevedere questa possibilità: “E’ senatore di diritto e a vita, salvo rinunzia, chi è stato Presidente della Repubblica”.

Napolitano si è dimesso, non lo rimpiangeremo

132627564-a05c35e8-f06d-4707-b399-9de500981178

È stata appena letta dalla Boldrini alla Camera dei Deputati la lettera ufficiale delle dimissioni di Giorgio Napolitano. Finalmente questo Paese chiude con un presidente che ha preteso la distruzione delle sue intercettazioni finite nell’inchiesta Stato-mafia, attaccando quegli stessi magistrati già nel mirino della mafia su ordine diretto di Totò Riina. Un presidente che ha firmato tutto: dal lodo Alfano al legittimo impedimento (ambedue dichiarate incostituzionali), passando per la legge Fornero. E nonostante ciò il PD ha applaudito per dieci minuti in onore di Re Giorgio!

Le dimissioni del Presidente della Repubblica

Il primo gennaio il  Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si dimetterà. Personalmente a me non mancherà e credo che valga lo stesso per molti altri cittadini. Un presidente buono per i partiti e non per le persone semplici. Un presidente che si è trovato a proprio agio sempre con i più forti piuttosto che con i più deboli. Le dimissioni di Napolitano non sono qualcosa di imprevisto. Credo che questa decisione sia stata già presa al momento della seconda elezione del Capo dello Stato: momento in cui maturò la decisione nelle segrete stanze tra Berlusconi, Bersani e Napolitano. Tutto quello che accade è più ragionato di quello che pensiamo, in pratica viene tutto progettato. Il potere muove i suoi pezzi sulla scacchiera e questa è una mossa ulteriore. Ci sono in questo terribile gioco due obiettivi: fare fuori il movimento cinque stelle da un lato e dall’altro rinsaldarsi al comando con facce nuove ma sempre uguali per rassicurare la popolazione semplicemente ingannandola. Noi però ci saremo sempre e, per usare una metafora, lotteremo su ogni pallone senza sosta. È una promessa!