Archivi tag: Maurizio Lupi

Le priorità dei partiti

Chi è stato più fortunato ad agosto è andato in vacanza o è riuscito a staccare riposandosi un po’. Moltissimi altri hanno continuato ad ammazzarsi di lavoro o a logorarsi perché un lavoro non ce l’hanno e in giro non trovano proprio nulla. Altri ancora non avevano diritto alle ferie perché l’unico lavoro che hanno è in nero o con qualche assurdo contratto a sfruttamento costante. Altri, ancora, pur non guadagnando un solo euro, hanno dovuto continuare a pagare i costi della partita Iva. Tanta angoscia e preoccupazione nel caldo rovente di agosto.

A settembre tutto ricomincia. Quasi la suggestione di un nuovo inizio per alcuni. E si ha la sensazione di poter mettere ordine nella propria vita.

Ecco, in parlamento questo stato psicologico settembrino è recepito in pieno. Ma, dopo essere tornati dalle ferie, in questi palazzi cercano di sistemare esclusivamente gli affari personali e non quelli del Paese tradendo così, di fatto, il mandato elettorale, calpestando il senso della Costituzione e ampliando il solco già scavato tra cittadini e Istituzioni. Ecco cosa sta per approvare urgentemente il parlamento dopo la pausa estiva.

1) Finanziamento pubblico ai partiti, ovvero: prendo milioni di euro dalle tasche degli italiani e li verso sul conto dei partiti;

2) Riforma del Senato, ovvero: consegniamo il Senato ai consiglieri regionali che sono i peggiori politici d’Italia e in questo modo abbiamo meno ostacoli nel controllare il Paese e fare ciò che ci pare;

3) La legge sulle intercettazioni, ovvero: anche se sono un ministro o un rappresentante delle Istituzioni, voglio continuare a gestire i miei affari sottraendomi a qualsiasi tipo di controllo. Casi come quello Incalza-Lupi o Ligresti-Cancellieri devono diventare solo un lontano ricordo.

Fortunatamente, a settembre, anche il Movimento cinque stelle riscalda i motori e riparte interpretando il mandato ricevuto nell’esclusivo interesse dei cittadini. E tra non molto li travolgeremo definitivamente!

Grazie al M5S crolla il castello di corruzione e tangenti

dellorco_michele1 Guardate cosa ha scritto la Procura di Firenze. Se Ercole Incalza è stato arrestato lunedì è anche grazie al Movimento 5 Stelle. Nell’ordinanza è riportata proprio la nostra interrogazione parlamentare del 1° luglio 2014 a prima firma di Michele Dell’Orco.
Siamo felici di aver contribuito a far crollare il castello di corruzione e tangenti. Lupi dimettiti!

Question time Lupi, lo straordinario intervento di Mirella Liuzzi

Lo straordinario intervento di Mirella Liuzzi che oggi in Aula, durante il question time, ha chiesto le dimissioni del ministro Maurizio Lupi.
Sono felice di far parte del M5S. Manderemo a casa disonesti e corrotti. Siamo qui anche per questo!

Fuori i Lupi dalle Istituzioni

10415622_884340061588976_5126364972468422374_nFuori i Lupi dal governo e dal Parlamento. Non solo il ministro del Rolex, ma tutti i Lupi.
Quelli che intascano le mazzette;
quelli che se mi tolgono la mangiatoia “faccio cadere il Governo”;
quelli che con la scusa della religione fanno i comitati d’affari;
quelli che i figli scippano il lavoro a tantissimi giovani meritevoli;
quelli che hanno stipendi milionari mentre la gente non arriva a fine mese;
quelli che hanno i vitalizi mentre i pensionati campano con 500 euro al mese;
quelli che rubano milioni dall’Expo sull’alimentazione e poi tassano gli agricoltori;
quelli che hanno tutto pagato (cliniche, assicurazioni, viaggi) e non fanno file, mentre i bambini muoiono in corsia negli ospedali pubblici.
Fuori i Lupi dalle istituzioni.

Luglio 2014, il M5S chiedeva le dimissioni di Ercole Incalza

Già il 2 luglio 2014 il Movimento 5 Stelle chiedeva in Aula le dimissioni dell’ingegnere Ercole Incalza, il dirigente del Ministero dei trasporti arrestato ieri nell’ambito dell’inchiesta della procura di Firenze sugli appalti relativi all’Alta velocità e a numerosi lavori legati alle Grandi opere. Ascoltate gli interventi di Michele Dell’Orco e di Alessandro Di Battista, e la risposta del ministro Lupi! Il premier oggi dice “serve chiarezza”. Ma dov’era finora? Renzi complice o inadeguato a scegliere i ministri del suo governo!

La soluzione c’è: basta non votarli più

Che bello lavorare per il Paese tutti i giorni e tornare a casa la sera e mettere la testa sul cuscino sereno. Sono due anni che questo movimento è in parlamento e molti anni nelle amministrazioni locali e non è stato mai toccato da una sola inchiesta anche dove governa. Leggete cosa dice il ministro Lupi: “Se viene abolita la Struttura Tecnica di Missione non c’è più il governo! ”. Il che significa che se si smettono di fare affari il governo può anche cadere, tanto senza affari a cosa serve un governo. Queste persone sono così, lo sappiamo da anni e anni. E allora? È possibile che ancora qualcuno le voti? È possibile votare chi ruba i nostri soldi? Ad ogni elezione cadiamo nella trappola dimenticandoci di tutto. Io vi chiedo basta, per favore. Non li votate più, non li votate più. Secondo voi Renzi non ne sapeva niente? Neanche per sentito dire? E come mai Lupi è rimasto al suo posto sia con Letta che con Renzi? È chiaro che doveva tutelare gli affari.
Cantone tu che dici? Rimani ancora al tuo posto con questa gente che ti ha nominato? È molto semplice mandarli a casa definitivamente, democraticamente, con semplicità e in un solo giorno. Basta non votarli mai più e il giorno dopo saranno scomparsi come dal risveglio da un incubo! Svegliamoci onesti, tutti!