Archivi tag: proposta M5S

Più strumenti ai comuni per la lotta al gioco d’azzardo. La proposta di legge del M5S su Lex

Nel 2016 la raccolta da gioco d’azzardo in Italia è stata di 95 miliardi di euro, con una crescita di 6 miliardi rispetto all’anno precedente. Ciò significa aumento del volume di gioco e di persone che giocano, in particolare nella fascia dei giovani. Al gioco sono stati persi 18 miliardi. Ai danni economici si aggiungono quelli per la salute: in Italia circa un milione di persone è affetta da azzardopatia e sono due milioni i giocatori a rischio.
Il MoVimento 5 Stelle è in prima linea nella battaglia contro il gioco d’azzardo. Da qualche giorno sulla piattaforma Lex c’è la proposta di Legge M5S, a prima firma Matteo Mantero – M5S, che intende dare nuovi strumenti di contrasto all’azzardo ai comuni, le amministrazioni che rappresentano il primo argine sul territorio rispetto al dilagare di questa piaga. Gli iscritti al M5S, attraverso suggerimenti e proposte, possono contribuire tutti al miglioramento della legge. Il mio collega Matteo Mantero vi spiega nel dettaglio questa proposta di legge.

Approvata alla Camera la proposta di legge M5S su Elezioni Pulite

La proposta di legge del MoVimento 5 Stelle “Elezioni pulite” è stata approvata poco fa alla Camera! Si tratta di uno strumento utile per contrastare i brogli e il voto di scambio. Sono previste, infatti, regole più stringenti per la nomina dei componenti delle sezioni elettorali e una maggiore trasparenza per lo svolgimento delle operazioni di voto.
Ascoltate l’intervento della mia collega Dalila Nesci, prima firmataria e relatrice della legge.

Con la piattaforma Rousseau cittadini protagonisti della politica

Avreste mai immaginato qualche anno fa di poter suggerire, da casa, dal vostro computer, una proposta di legge e vederla poi presentata in Parlamento? Quello che sembrava impensabile è ormai realtà. E succede grazie al progetto del MoVimento 5 Stelle. Lo avevamo detto prima delle elezioni politiche e lo abbiamo fatto. I cittadini possono contare su un filo diretto con i portavoce nelle istituzioni: grazie alla piattaforma del M5S Rousseau e all’applicazione Lex Iscritti, possono indicare e poi scegliere delle proposte di provvedimenti da trasformare in atti da depositare alle Camere o in altre sedi. Ieri sono state votate le prime due proposte che adesso i portavoce del M5S si impegneranno a portare in Parlamento. Migliaia di iscritti hanno preso parte a questa prima votazione scegliendo tra 129 progetti. I cittadini hanno ora degli strumenti in più per dialogare con chi è stato eletto e per far sentire la loro voce. Possono contribuire in prima persona ai procedimenti legislativi e al dibattito su temi cruciali. E mentre i partiti vivono un inesorabile distacco dalla collettività, il Movimento mette in pratica idee e iniziative che avvicinano i cittadini alla politica rendendoli protagonisti.
È una rivoluzione. E la stiamo portando avanti con costanza insieme. Forza!

Consegnate oltre 10 mila firme per ridurre le tasse universitarie

CmrD0s_WAAAU66_

Oggi una delegazione di parlamentari M5S ha consegnato al Ministero dell’istruzione le oltre 10 mila firme degli studenti universitari italiani che hanno sostenuto la nostra proposta di legge che prevede tasse più basse fin da subito per le fasce medie di reddito e la “no tax area” (zero tasse per le famiglie di quegli studenti che non raggiungono i 15 mila euro di reddito all’anno).

Metterla in pratica costerebbe 90 milioni di euro. Pensate che se tutti i parlamentari si tagliassero lo stipendio come facciamo noi, in una sola legislatura si potrebbero risparmiare e reinvestire nell’economia quasi 300 milioni: più di tre volte la cifra necessaria per realizzare questo progetto.

E’ una proposta che risponde alle necessità di migliaia di studenti e famiglie italiane e rappresenta la soluzione più efficace rispetto al calo di 65 mila matricole in soli 10 anni.

L’avevamo promesso e l’abbiamo fatto. Nei prossimi giorni si discuterà alla Camera la proposta di legge: cosa faranno i partiti?

Prima votazione di LEX ISCRITTI. Scegli su Rousseau le proposte di legge da presentare in Parlamento

lex-rousseau

Oggi si terrà la prima votazione di Lex Iscritti, la nuova applicazione di Rousseau. E’ un grande giorno per il Movimento e per la rivoluzione che stiamo portando avanti insieme. Esprimendo cinque preferenze, ogni iscritto può scegliere tra 129 proposte di legge e individuare le priorità su cui lavorare. Le prime due più votate saranno infatti prese in carico dai parlamentari del M5S e presentate. Al termine del percorso su Lex i portavoce 5 Stelle depositerrano la proposta in Parlamento assieme all’iscritto proponente la legge, il quale verrà citato all’interno del testo depositato per evidenziarne l’operato volontario per il bene della collettività.

C’è tempo fino alle 19.00 di oggi per votare.
Partecipate e buon voto a tutti!

A settembre in Aula la proposta di legge M5S sul taglio delle indennità dei parlamentari

A settembre arriverà in Aula la nostra proposta di legge per tagliare le indennità dei parlamentari. Una data storica. Potremmo finalmente ridurre drasticamente i costi della politica e risparmiare soldi pubblici. Serve solo la volontà politica di farlo. I portavoce del M5S lo fanno già. Siamo gli unici ad aver dimezzato gli stipendi e aver permesso la nascita di più di 2000 imprese grazie al sostegno al fondo per il microcredito. A settembre il taglio delle indennità può diventare una realtà anche per i parlamentari di altre forze politiche. Nel 2013 Renzi dichiarava: “i primi che devono togliersi i privilegi sono i parlamentari stessi e vale anche per i consiglieri regionali. Non puoi cavartela dicendo siamo mille, evitiamo di costare di più. No, iniziate a dimezzare il costo dei vostri stipendi, e vale anche per i consiglieri regionali”. E’ ora che Renzi e il Pd passino dalle parole ai fatti. Ne saranno capaci almeno una volta?
Noi li invitiamo sin da adesso a dimezzare gli stipendi ai loro parlamentari e consiglieri. Avete idea di quanti soldi si potrebbero risparmiare? Milioni e milioni di euro che ogni anno potrebbero essere investiti per i giovani e le pmi. E, vi assicuro, non è un sacrificio, ma motivo di felicità e orgoglio.

5 proposte 5 stelle per cambiare l’Italia

5 proposte 5 stelole

A queste elezioni hanno vinto in maniera netta e inequivocabile le proposte e le idee del MoVimento 5 Stelle. Da nord a sud, nelle città piccole e nelle città grandi. Perfino Renzi ha dovuto ammettere la sconfitta del Pd e il fatto che il voto è stato di cambiamento e non di protesta. Il MoVimento 5 Stelle ha riempito il Parlamento di proposte che sono diventate realtà nei comuni dove il M5S è al governo. Perchè il Pd non le approva? E’ tempo di fare gli interessi dei cittadini, non dei banchieri e delle lobby. Con 5 proposte 5 stelle cambiamo tutto!
1) Reddito di Cittadinanza
2) Abolizione di Equitalia
3) Abolizione dell’IRAP per le PMI
4) Taglio degli stipendi dei parlamentari
5) DASPO ai corrotti

Ps: Le 5 proposte saranno presentate oggi in una conferenza stampa sull’analisi del voto delle amministrative alle 16. La diretta sarà trasmessa in streaming sul Blog delle Stelle.

Scegliere per un futuro sostenibile. Il convegno del M5S a Montecitorio

Busto_M5S_alimentazione_v3

Come ci nutriamo è un tema molto personale per ciascuno di noi. Allo stesso tempo, però, ciò  che scegliamo per la nostra alimentazione ha un grande impatto sociale e ambientale. Viviamo in un pianeta con una popolazione in costante crescita – secondo la FAO saremo 9 miliardi entro il 2050 – e per sfamarci tutti dovremo raddoppiare la produzione di cibo.

Trovare soluzioni e nuovi modelli per rispondere alle esigenze alimentari dell’uomo e per salvaguardare il nostro pianeta è possibile e molte realtà in tutto il mondo lo stanno già facendo. Per questo, è sempre più importante diffondere uno stile di vita e di alimentazione rispettoso del nostro benessere e dell’ambiente nonché superare le abitudini di consumo predominanti nei Paesi sviluppati.

Ne parleremo martedì 24 marzo alle 17 a Montecitorio ( sala Tatarella – Palazzo dei Gruppi) in occasione dell’evento organizzato da Mirko Busto dal titolo “Alimentazione, salute e ambiente: scegliere per un futuro equo e sostenibile”. Con i parlamentari del Movimento 5 Stelle ci saranno Luca Mercalli, Erica Poli, Vasco Merciadri, medici ed esperti del settore.

Sarà presentata anche una proposta del M5S riguardante la gestione sostenibile per l’ambiente e la salute delle mense pubbliche. L’evento sarà trasmesso anche in diretta streaming.

Eccola qui, la loro “buona scuola”

++ CAMERA: 459 SCHEDE BIANCHE, 108 VOTI A FICO ++ “Alla fine hanno scoperto le carte: 50mila assunzioni a settembre anziché 150mila (le altre 50mila forse nel 2016) quindi un terzo di quelle promesse e semplice copertura del turn over; II fascia d’istituto calpestata e dimenticata (“a malincuore dovranno fare il concorso”) con conseguenti classi di concorso scoperte il prossimo settembre; III fascia neppure menzionata; chiamata diretta dei docenti da parte dei presidi capo-azienda; detrazioni fiscali per chi iscrive i figli alle paritarie. Il tutto condito con un bel ricatto finale al Parlamento che deve approvare tutto in tempi strettissimi. Eccola qui la LORO BUONA SCUOLA!” Silvia Chimienti

ps. su assunzioni e riforma del reclutamento abbiamo presentato la nostra proposta. Vi invito a leggere il testo di legge ‪del Movimento 5 Stelle depositato in Parlamento sul sito della Camera dei Deputati!

Effetto M5S nei Comuni

10256603_1034654939893705_9192861346770751700_n

Ecco il risultato del lavoro svolto dal nostro consigliere comunale Danilo Roberto Cascone insieme a tutti i cittadini attivi di San Giorgio a Cremano . Prima, in foto, trovate il prezzo (evidentemente gonfiato) che il Comune di San Giorgio a Cremano avrebbe pagato per l’acquisto di un singolo cestino gettarifiuti, dopo, con l’intervento del M5S (a seguito di approfondite ricerche e successive interrogazioni e denunce), trovate il reale prezzo per la stessa fornitura. Considerando che sono 42 i cestini installati sul territorio basterebbe farsi due calcoli per scoprire che con la nostra azione abbiamo fatto risparmiare ben 17.695,44 € ai sangiorgesi. Questo è il nostro regalo di Natale ai cittadini! Naturalmente non ci fermeremo qui. Ora toccherà alla Magistratura stabilire se con quei soldi qualcuno doveva imbandire la tavola per il cenone di Capodanno oppure no.

Buone festività!