Archivi tag: Sicilia

Sindaco M5S di Bagheria “inavvicinabile” e la mafia rinuncia agli appalti del Comune

news_img1_65029_patrizio-cinqueIl sindaco è “inavvicinabile” e per questa ragione la famiglia mafiosa decide di “non occuparsi più di appalti del comune”. Succede in Sicilia, a Bagheria, comune amministrato dal MoVimento 5 Stelle. Il primo cittadino a cui fa riferimento il pentito di Cosa nostra in occasione del processo “Panta rei” è il nostro Patrizio Cinque. Lui e l’amministrazione M5S sono un argine naturale al malaffare della criminalità organizzata. Ne hanno fermato persino i tentativi di avvicinamento. Da qui passa un’altra storia per Bagheria, e per il nostro Paese. Buon lavoro a Patrizio e a tutto il suo gruppo. Avanti così!

La prima casa non si tocca

Consiglieri M5S siciliani

Giovanni Guarascio era un operaio siciliano. Il 14 maggio del 2013 si è dato fuoco, davanti agli occhi della sua famiglia, per impedire che gli pignorassero la sua unica casa.
Ieri i nostri consiglieri regionali siciliani hanno acquistato l’abitazione di Giovanni all’asta e l’hanno donata a sua moglie e ai suoi figli, che in questo modo non saranno più costretti a traslocare. Voglio ringraziare i portavoce siciliani M5S per questo gesto: grazie al taglio dei loro stipendi, hanno restituito la casa ai familiari di Giovanni, aiutandoli in un momento di grande difficoltà. Un atto anche simbolico: occorre riaccendere i riflettori sulla proposta di legge sull’impignorabilità della prima casa, fortemente voluta dal M5S. Ne parleranno i consiglieri regionali e i parlamentari M5S venerdì a Vittoria. Stay tuned

La Cura 5 Stelle a Bagheria funziona!

cinqueroePasquale Di Salvo, detto “u pupiddu”, uno dei 38 fermati nel blitz antimafia “Panta rei”, è intercettato dai carabinieri mentre ssi sfoga con il fratello, lamentando le difficoltà riscontrate nella gestione dei suoi affari illeciti nel settore dei rifiuti.

Riferendosi al sindaco M5S di Bagheria Patrizio Cinque, spiega: “Come vede due, tre persone, si apparecchia l’orecchio e ti manda gli sbirri, eh… non puoi avvicinare un assessore, non puoi avvicinare a nessuno perché già subito fa… dice… di cosa state discutendo, cosa state progettando? CON QUESTO SINDACO che c’è qui… QUESTO DENUNCIA TUTTI… NEANCHE GLI OCCHI PER PIANGERE RESTANO”.

Vi rendete conto di quanto sia vitale per il corretto funzionamento di un’amministrazione e per la vita di una comunità avere nelle Istituzioni persone pulite e oneste, che non hanno dovuto cedere a compromessi per essere eletti. Onestà e coerenza sono le migliori armi per sconfiggere le mafie.

Il M5S sta riportando la legalità e la speranza di poter vivere in un Paese migliore.

Coraggio!

A Bagheria, comune M5S, il Question time comunale

Bagheria M5S - Question time comunale - Patrizio Cinque

Un sindaco deve saper ascoltare. Deve saper tenere conto delle critiche, accogliere proposte, non perdere il contatto con la collettività. Questo vale, ovviamente, per tutti i rappresentanti dei cittadini nelle Istituzioni. Ma nei comuni questo tratto distintivo si accentua essendo il comune la pubblica amministrazione più vicina al cittadino.

Quante volte abbiamo cercato di rivolgere una domanda al sindaco o abbiamo provato a confrontarci su una determinata questione di interesse collettivo, senza però ottenere alcun riscontro? Ebbene le cose possono cambiare. A Bagheria, comune amministrato dal M5S, da oggi un cittadino può recarsi in Consiglio comunale e interrogare il proprio sindaco sui problemi della città oppure avanzare proposte. Può chiedere conto dell’operato dell’amministrazione. Il sindaco dovrà rispondere pubblicamente come prevede il nuovo Statuto. Si chiama “Question Time comunale” ed è un nuovo tassello nella rivoluzione di trasparenza e di democrazia diretta che il M5S sta compiendo.
Il cambiamento passa soprattutto dalle piccole, grandi, cose.

A riveder le stelle!

Sicilia: completata la strada finanziata grazie agli stipendi del M5S

ansa_27-07-15

Detto, fatto!

Grande notizia dal M5S Sicilia! Grazie alla restituzione degli stipendi dei nostri deputati regionali, è stata finanziata e completata la “trazzera”, la strada alternativa che che servirà a bypassare l’interruzione dell’A19. Il M5S ha donato 300 mila euro per la realizzazione di una scorciatoia che migliorerà la viabilità dopo che, a causa del cedimento di alcuni piloni del viadotto della Palermo-Catania, la Sicilia era stata di fatto spezzata in due. Ecco cosa significa essere al servizio dei cittadini e della comunità! Congratulazioni ai nostri portavoce siciliani!

ps. L’inaugurazione sarà il 31 luglio alle ore 11.30 a Caltavuturo.

L’abbiamo fatto davvero

M5S Sicilia - Finanziamento A19

“Sono passati 2 mesi dal crollo del ponte della A19 e non si muove nulla, nessun operaio, nessuna ruspa, niente di niente. Crocetta e Renzi e le istituzioni sono incapaci di fronte a questa emergenza, i loro tempi di intervento sono biblici, troppo lunghi per una terra che ha bisogno di azioni concrete ora e subito.

Due imprenditori hanno aperto una strada per creare una bretella alternativa, i cittadini che si fanno Stato insomma, ma senza una sostanziosa somma questa è insufficiente per ricongiungere le due parti della Sicilia tagliate dal crollo dell’autostrada A19.
Bene!
La finanziamo noi del M5S con i soldi delle restituzioni dei nostri stipendi.
L’abbiamo fatto e lo rifaremo ancora, perché il nostro impegno è davvero al servizio dei cittadini”.
MoVimento 5 Stelle Sicilia – Giancarlo Cancelleri

Visita delle sede regionale RAI a Palermo

Prosegue il mio giro tra le sedi regionali della Rai. Stamattina ho visitato quella di Palermo. Il servizio pubblico ha una missione tanto importante, quanto delicata: raccontare il Paese, intercettarne i cambiamenti, garantire pluralismo di voci. E deve essere indipendente dai partiti e dal governo. Solo così può svolgere la sua funzione, informare i cittadini e tutelarne gli interessi. Per questo la politica deve restare fuori dalla governance del servizio pubblico.

Tutte le tappe del tour in Sicilia – 7/8 maggio 2015

8 maggio 2015 – Augusta

11146569_897136227011334_3457919037128653283_n

Tra poco sarò ad Augusta con Maria Marzana portavoce a 5 stelle per l’ultima tappa del tour in Sicilia. L’appuntamento è per le 16.00 in viale Italia 112. Vi aspettiamo!

8 maggio 2015 – Ispica

11227058_942785922440347_5209114574297651747_n

Siamo in piazza Unità d’Italia con Marialucia Lorefice e i candidati M5S alle elezioni comunali. A Ispica le precedenti amministrazioni hanno lasciato in eredità un buco di 28 milioni di euro (dato fino al 2012) e un comune in dissesto. Questo è quello che hanno combinato i partiti finora. Si può voltar pagina solo con cittadini onesti.

8 maggio 2015 – Gela

#‎SiciliaM5S‬ Adesso a Gela con Azzurra Cancelleri e il candidato sindaco Domenico Messinese per parlare di amministrazione virtuosa e dei comuni a 5 stelle. Alle 13.00 sarò ad Ispica con la mia collega Marialucia Lorefice “Cittadina a 5 Stelle”. Incontreremo i cittadini in piazza Unità d’Italia. A dopo!


7 maggio 2015 – Agrigento / Licata

licata davv ok

Di nuovo in viaggio. Dopo Palermo, Marsala e Agrigento, alle 20.30 sarò a Licata (piazza Sant’Angelo) per l’apertura della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle con il candidato sindaco Gianluca Ciotta e i candidati consiglieri. Sosteniamo la lista del M5S. Licata deve finalmente voltare pagina. Sono anni che il comune è commissariato a causa delle vicende giudiziarie degli ultimi due sindaci. È tempo di onestà, trasparenza, di progettualità. È tempo di un’amministrazione che si prenda cura degli interessi della collettività e non delle lobby. Qui i cittadini stanno combattendo da tempo contro le perforazioni nel canale di Sicilia. All’Italia non servono nuove trivellazioni, ma una strategia energetica che si basi su fonti rinnovabili e che sia compatibile con l’ambiente. Coraggio!


7 maggio 2015 – Agrigento

FullSizeRender

Siamo ad Agrigento. Ricordate la “Gettonopoli” scoppiata qualche mese fa? Grazie alle denunce del M5S è stato possibile accendere i riflettori sullo scandalo (1133 riunioni di commissioni consiliari convocate e riunite nei primi 9 mesi del 2014 per un costo di oltre 250 mila euro), che ha portato alle dimissioni di oltre metà dei consiglieri comunali. Ora Agrigento è chiamata al voto e il M5S c’è. Raggiungeteci a Porta di Ponte. Con Giancarlo Cancelleri, Azzurra Cancelleri e il candidato sindaco Emanuele Dalli Cardillo presenteremo le nostre proposte per il comune, un programma a 5 stelle di cui questa città ha bisogno per ripartire. Basta con amministrazioni incompetenti. Ad Agrigento si pagano le bollette dell’acqua più care d’Italia per avere un servizio pessimo. Tra i primi punti del programma M5S: ACQUA PUBBLICA!


7 maggio 2015 – Palermo/Marsala

1484438_779762038806305_7159490165722578274_n

In viaggio verso ‪#‎Marsala‬. Insieme ad Azzurra Cancelleri e Giancarlo Cancelleri, presenteremo alla stampa la lista del ‪#‎M5S‬ alle prossime elezioni comunali e il candidato sindaco Antonio Angileri. Ridurre e riorganizzare le spese, puntare ai rifiuti zero e sviluppare il progetto Marsala cine location sono alcuni dei punti del programma di cui parleremo oggi. Saremo in via Aspromonte alle 15.00. A dopo!


6 maggio 2015

tour_sicilia

Nei prossimi giorni sarò in Sicilia per un piccolo tour tra i comuni chiamati al voto. Le tappe sono Marsala, Agrigento, Licata, Gela, Ispica e Augusta. Insieme a Azzurra Cancelleri, Marialucia Lorefice “Cittadina a 5 Stelle”,Maria Marzana portavoce a 5 stelle, e Giancarlo Cancelleri parteciperemo a una serie di incontri con i cittadini e i candidati sindaci e consiglieri del M5S. Ecco tutti gli appuntamenti:

Giovedì 7 maggio
PALERMO, 9.30: visita della sede regionale della RAI
MARSALA, 13.15 – via Aspromonte
AGRIGENTO, 18.00 – Porta di Ponte
LICATA, 20.30 – piazza Sant’Angelo

Venerdì 8 maggio
GELA, 10.00 – piazza Umberto
ISPICA, 13.00 – piazza Unità d’Italia
AUGUSTA, 16.00

ps. E sabato 9 maggio, tutti a ‪#‎Perugia‬! Ci vediamo alle 12.00 ai Giardini del Frontone, Borgo XX Giugno, per la marcia per il Reddito di cittadinanza Perugia – Assisi. Vi aspettiamo!

Sequestrato il Muos a Niscemi

1463028_635088226626025_9152770542343536614_n

La procura di Caltagirone ha ordinato il sequestro del Muos, il sistema di comunicazioni satellitari della Marina militare americana che si trova nella riserva di Niscemi. Due giorni fa una delegazione di parlamentari del M5S aveva fatto una visita ispettiva al’impianto. Il provvedimento arriva dopo la decisione del Tar di Palermo che aveva accolto i ricorsi dei comitati No-Muos e del Comune. I giudici hanno stabilito che il sistema è pericoloso per la salute dei cittadini. Il sequestro è stato disposto per violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale. Sono davvero felice per i ragazzi e i comitati di Niscemi che da tempo lottano contro il Muos, un’opera che nessun cittadino ha voluto. Riappropriamoci della nostra sovranità #nomuos